Come organizzarsi al meglio per i regali di Natale?

lunedì 13 novembre 2017

Come organizzarsi al meglio per i regali di Natale: con la formula First Minute

Qualche giorno fa, sono stata all'evento organizzato da eBay nel quale si è parlato, insieme ad uno psicologo, di come organizzarsi al meglio per i regali di Natale, e di come non ridursi all'ultimo momento, col rischio di fare regali brutti e non pensati.

Abbiamo quindi scoperto un percorso guidato in quattro punti (Pianifica, Semplifica, Comprendi, Rendi Unico) ideato con la consulenza del dottor Luca Mazzucchelli, psicologo e psicoterapeuta, per organizzare al meglio il tempo di acquisto dei regali di Natale in modo che siano davvero una dimostrazione d'amore verso le persone care e non una cosa dovuta e fatta di corsa.

Ma perché ci riduciamo sempre all'ultimo minuto per fare i regali di Natale? 

Come organizzarsi al meglio per i regali di Natale?



Secondo il dottore presente all'evento, le cause principali della tendenza agli acquisti last minute sono 3: 

  1. mancanza di organizzazione
  2. abitudini disfunzionali che non riusciamo a modificare 
  3. incapacità di comprendere i gusti del destinatario del regalo
La mancanza di organizzazione è ciò che conduce una parte di noi a muoversi solo quando ci sentiamo ormai con l'acqua alla gola. A quel punto siamo costretti ad un frenetico tour de force alla ricerca del regalo di Natale...senza nessuna pianificazione, nessuna idea precedentemente formulata, nessuna lista da seguire. Solo tanta buona volontà... che però spesso non basta!

Un altro motivo che alimenta la tendenza ai regali last minute riguarda le abitudini disfunzionali ormai consolidate di una parte di noi a questo proposito. Memori dell'esperienza negativa del Natale precedente, ci promettiamo ogni anno che inizieremo prima, che faremo in modo diverso, magari siamo davvero motivati a cambiare, ma poi puntualmente ci ritroviamo a dicembre inoltrato con tutti i regali da fare.

Infine, anche il non aver chiaro cosa possa piacere al nostro destinatario è per diversi di noi motivo di procrastinazione: esitiamo sperando di trovare l'idea giusta, o rimandiamo il problema sempre più in là, finché ci ritroviamo a ripiegare su qualcosa di impersonale o a scegliere qualcosa che, in diversi casi, rispecchia più i nostri desideri che quelli di chi riceverà il regalo.

Così è nato il percorso FORMULA FIRST MINUTE che fornisce soluzioni pratiche per queste 3 frequenti cause di procrastinazione in fatto di acquisti natalizi!

Ma come organizzarsi al meglio per i regali di Natale? Come modificare il nostro comportamento a riguardo? Ecco la soluzione:



  1. PIANIFICA. Data la tendenza alla poca organizzazione, meglio pianificare il tutto. A questo proposito lo psicologo suggerisce di cominciare a pensare ai regali di Natale da inizio novembre; il consiglio è di ritagliarsi alcuni minuti per prendere carta e penna e fare una lista delle persone e delle idee regalo. Le liste sono infatti un ottimo strumento per riordinare e rendere concreti pensieri che altrimenti rimarrebbero astratti. Inoltre evitano un sovraccarico di informazioni a livello mentale e sono una guida all'azione. Altra cosa importante è mettere in agenda dei checkpoint, appuntamenti settimanali di 10 minuti per ricontrollarle e monitorare l'avanzamento dei lavori. 
  2. SEMPLIFICA. Data la consolidata abitudine allo shopping last minute, il secondo punto del metodo aiuta a sostituire questo comportamento con altri più utili. Secondo l'esperto la chiave per modificare un'abitudine negativa non risiede nella motivazione (che non è sempre costante) ma nel rendere talmente semplice il comportamento da acquisire in modo che sia impossibile dirgli di no. Ma come rendere l'obiettivo di imparare a fare i regali di Natale in anticipo una cosa semplicissima? Innanzitutto preferendo lo shopping online, più veloce da fare e più comodo. Basta dedicare anche solo 5 minuti al giorno ai regali, ad esempio navigando sul web per lasciarsi ispirare e fare acquisti, in qualunque occasione (mentre si va in metro al lavoro, o mentre si è in pausa) così sarà più difficile trovare scuse per non farlo…. Oltre al principio della semplificazione, un'altra strategia per implementare un'abitudine desiderata a scapito di quella negativa consiste nell'inserire nel proprio ambiente degli stimoli facilitatori che ci facciano scivolare direttamente nel comportamento che vogliamo implementare, come mettere un post-it sul computer che ci ricordi di fare i regali, o il sito degli acquisti come pagina iniziale del browser sono dei facilitatori semplici ma potentissimi. 
  3. COMPRENDI. Il terzo punto del metodo aiuta a farsi un'idea più precisa di cosa possa essere gradito al nostro destinatario. Secondo il dottor Mazzucchelli spesso tendiamo ad attribuire inconsapevolmente agli altri desideri e interessi che sono in realtà i nostri, andando a confondere quel che piace al destinatario con quello che piace a noi. La prima cosa da fare è dunque mettere da parte i propri gusti personali e concentrarsi esclusivamente su chi riceverà il regalo, andando a comprenderne i reali desideri. Per capire i desideri di chi abbiamo di fronte, è necessario ascoltare gli spunti che ci arrivano dal destinatario del regalo, osservare ciò che compra per sé (o cosa pubblica sulle sue bacheche social), o, in alternativa, porsi delle semplici domande sulla sua personalità: che tipo di persona è? Quali sono i suoi interessi? Cosa lo rende felice? Ed agire di conseguenza!
  4. RENDI UNICO. Questo punto è fondamentale per fare un regalo che colpisca al cuore la persona amata. È necessario innanzitutto uscire dai clichè, non limitandosi a prendere in considerazione solo ciò che “va di moda”, ma ampliando le proprie possibilità di scelta, ed on line si hanno infinite possibilità, un esempio potrebbe essere acquistare dei prodotti di artigianato locale oppure oggetti provenienti dall'estero, che possono avere quel tocco di originalità in più in grado di cogliere davvero i gusti e i desideri del destinatario. Altra cosa molto importante è il bigliettino d'auguri, che non deve limitarsi ad augurare un buon Natale ma deve essere più personale, deve essere in grado di comunicare l'emozione che ci lega alla persona (che sia amore, affetto, complicità, gratitudine, ecc.). L'ultima attenzione suggerita dal dottor Mazzucchelli per rendere l'esperienza del regalo di Natale unica è non delegare al solo regalo il proprio messaggio d'affetto, ma di trascorrere del tempo insieme alla persona cara durante e dopo l'apertura del dono. Trasformando così il momento dello scambio di doni, in un piacevole ricordo condiviso.
Grazie alla FORMULA FIRST MINUTE avrai una guida che ti aiuta a pianificare in anticipo i tuoi acquisti di Natale, in modo da donare alle persone care regali pensati con la cura e l'amore che meritano. Ora non ti chiederai più come organizzarsi al meglio per i regali di Natale, ora che hai la risposta, agisci! Cosa aspetti? Comincia ad organizzare i tuoi acquisti natalizi!

Se cerchi idee e spunti sul Natale, leggi qui:  Il mio Natale, idee regali, tutorial creativi e molto altro

Buon shopping natalizio!



6 commenti :

Flavia ha detto...

interessante! ci provo

MyFloreschic ha detto...

Io sono così, cerco di non arrivare mai all'ultimo minuto con i regali . Parto sempre con largo anticipo facendo una lista

Nema mohamed ha detto...

io ogni anno parto carica di buone intenzioni e poi...

Marina damammaamamma ha detto...

Brava! :-)

Marina damammaamamma ha detto...

Sei super organizzata :-)

Marina damammaamamma ha detto...

Anche io...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...