SOS febbre: ecco cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini

lunedì 16 ottobre 2017

SOS febbre: ecco cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini. Domande e risposte al problema febbre.

Qualche giorno fa, ho partecipato, a Milano, insieme alla mia bambina, all'evento "Che Giungla Questa Febbre", patrocinato dalla Casa Pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, durante il quale si è parlato della ricerca SWG sul comportamento delle mamme in relazione con gli episodi di febbre dei propri bambini.

Mentre mia figlia era impegnata, insieme ad un animatore e altri bimbi, a scoprire i suoni della giungla. Noi mamme siamo entrate nella giungla dei problemi legati alla febbre dei bambini!

Dall'indagine SWG, presentata durante l'evento educational "Che Giungla Questa Febbre", si può constatare che la maggior parte delle mamme (1 su 4), quando si parla di febbre, sono molto apprensive e ancora legate ai rimedi della nonna (come ad esempio applicare la borsa del ghiaccio o effettuare spugnature con alcool o acqua sulla testa, su polsi o sulle caviglie, che potenzialmente potrebbero generare un effetto contrario a quello sperato.)

SOS febbre: ecco cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini


Nonostante sulla teoria siano tutte molto preparate, infatti l'88% dichiara sapere che la febbre è un meccanismo di difesa dell'organismo, molte mamme non sembrano egualmente preparate sulla gestione pratica della febbre. Questo è dovuto soprattutto dalla difficoltà di individuare informazioni certe e scientificamente validate in materia. Specialmente quando i figli sono piccoli, le mamme tendono a confrontarsi tra di loro e 1 su 2 cerca informazioni su internet. "A volte internet può contenere informazioni non attendibili, con il rischio di divulgare falsi miti, credenze e dubbi" - ha spiegato il Dottor Jacopo Pagani, responsabile del servizio di Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera Sant'Andrea di Roma ed esperto di comunicazione in sanità - "Febbre e dolore sono argomenti di frequente discussione sui social network, forum e blog a causa della paura eccessiva dei genitori che sono spesso portati ad adottare comportamenti irrazionali, in sede di riconoscimento e gestione di questi disturbi, che sfociano poi in accessi impropri al pronto soccorso degli ospedali"


SOS febbre: ecco cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini infografica


Cercherò, quindi, di riportare qui in questo articolo, tutte le domande fatte allo specialista e tutte le utili risposte che ci ha fornito, in questo modo, spero di riuscire ad esaudire tutti i dubbi sulla febbre nei bambini.

SOS febbre: ecco cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini - Le domande più diffuse

Quando è febbre? E come va misurata la febbre nel bambino?

Si può considerare febbre se la temperatura rilevata supera i 37.5° ed il metodo migliore per misurarla è con il termometro elettrico ascellare. Per i neonati si può usare, dal pediatra, il termometro a infrarossi auricolare. Gli altri metodi di misurazione non sono abbastanza sicuri. La febbre va controllata ogni 2 ore.



Cosa non fare in caso di febbre nel bambino?

Non servono "i rimedi della nonna" come coprire molto i bambini o metterli vicini a fonti di calore, non servono docce fredde o spugnature. E' utile, invece, bere molta acqua o altre bevande non zuccherate.



Che medicinali dare in caso di febbre?

In età pediatrica, Ibuprofene e paracetamolo sono entrambi indicati come farmaci per il trattamento di febbre e dolore. E' comunque consigliabile affidarsi sempre al proprio pediatra di riferimento per la scelta tra i due farmaci.
Nel trattamento farmacologico della febbre e dolore nei bambini è molto importante rispettare sempre il dosaggio dei farmaci prescritti dal vostro pediatra. I medicinali vanno dati solo se la febbre supera i 38.5°.




Quando è il caso di andare dal pediatra?

Se il bambino ha un'età inferiore ai 3 mesi di vita è sempre necessaria la valutazione pediatrica immediata. Invece con il crescere dell'età bisogna valutare le condizioni generali del bambino.
Da 3 a 12 mesi è sempre opportuno contattare il pediatra entro le 24 ore, bisogna farlo immediatamente, invece, nel caso la febbre fosse associata ad altri sintomi.
Dopo l'anno di vita, se il bambino gioca ed è sereno come al solito, si può attendere, senza allarmismo, tre giorni, prima di portarlo dal pediatra per un controllo più accurato.




Cosa fare in caso di convulsioni febbrili?

Le convulsioni possono spaventare qualsiasi genitore, ma se avvengono quando il bambino ha meno di 6 anni, spesso passano con la crescita. Comunque, in caso di convulsione, mettere il bambino su un fianco e controllare la durata della crisi, non provare ad aprirgli la bocca e portarlo al pronto soccorso se le crisi superano i 5 minuti. Se le crisi non dovessero passare con l'età, meglio fare accertamenti.




Come riconoscere e trattare il dolore?


I dolori che provocano il risveglio notturno dei bambini sono da controllare. I dolori come mal d'orecchio, mal di gola, mal di testa e dolori muscolari devono essere trattati con Paracetamolo o Ibuprofene e nel caso persistano portare il bambino dal medico. Se il bambino accusa dolore addominale è necessario consultare subito il medico.




Come dosare i medicinali in caso di febbre nei bambini?

E' importante dosarli in base al peso del bambino e non in base all'età.
E' quindi meglio preferire le formulazioni in sciroppo o in compresse invece delle supposte, quest'ultime non sono facilmente dosabili in base al peso del bambino, mentre le altre sì.

Spero di aver risposto ai vostri dubbi su cosa fare quando la temperatura aumenta nei bambini!
Voi sapevate già tutto?



L'evento "Che Giungla Questa Febbre" è stato realizzato con il Patrocinio della Casa Pediatrica ASST Fatebenefratelli Sacco e con il contributo non condizionato di ReckittBenckiser.
Post sponsorizzato


4 commenti :

Flavia ha detto...

molto utile, grazie!!

MyFloreschic ha detto...

Molto interessante e utile !

Nema Mohamed ha detto...

Io posso portare i casi clinici!

Silvietta Fanio ha detto...

Utilissimo post! Pensa che un paio di settimane fa il mio piccolo aveva 40.4 e la pediatra mi ha detto di fare un bagno freddo in attesa che classe la temperatura. La cosa mi perplime, perché va contro le indicazioni dei pediatri presenti all'incontro dove sei stata. Aaaah, come vorrei esserci stata e sentire che avrebbero detto a riguardo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...